Estensione autorizzazioni all’impianto fino al 2022

 

A distanza di un anno, il settore vitivinicolo sta ancora affrontando grandi difficoltà, in particolare per quanto riguarda la liquidità e gli investimenti.

Per questo motivo, Unione Italiana Vini si è fortemente mobilitata, negli ultimi mesi, a livello nazionale ed europeo, sulla questione della proroga delle autorizzazioni all’impianto e al reimpianto in scadenza nel 2021, anche con l’obiettivo di evitare sanzioni amministrative a carico delle imprese per il mancato utilizzo delle autorizzazioni in scadenza.

Inizialmente contraria a questa proposta, nelle ultime settimane la Commissione Europea ha aperto a questa possibilità, in linea con quanto già deciso l’anno scorso.

In occasione dell’Assemblea Generale di Unione Italiana Vini del 6 luglio u.s., sono intervenuti i rappresentanti del Gabinetto del Commissario AGRI, Janusz Wojciechowski, i quali hanno confermato che la Commissione è al lavoro per autorizzare la proroga delle autorizzazioni di impianto e reimpianto in scadenza nel 2021 fino al 31 dicembre 2022.

In concreto, ciò significa che i viticoltori dovranno indicare alle autorità competenti dei propri Stati membri entro il 28 febbraio 2022 se intendono usufruire o rinunciare alla proroga, senza che ciò comporti sanzioni amministrative per chi decidesse di non utilizzare le proprie autorizzazioni all’impianto o al reimpianto in scadenza nel 2021.

Questa flessibilità dovrebbe essere inserita nella versione finale del regolamento OCM (attualmente in fase di completamento), adottata nella disciplina generale della PAC post-2020 e pubblicata nell’autunno (ottobre/novembre) 2021.

Nel frattempo, in vista dell’approvazione del Regolamento, Unione Italiana Vini cercherà di ottenere una anticipazione/conferma per iscritto, anche informale, di questa importante decisione da parte della Commissione Europea.

Confederazione, News, Normative, UIV, UIV Notizie, Unione Italiana Vini, Vino, autorizzazioni, uiv
WORLD WIDE WINE NEWS