Primo piano su politica commerciale con Commissario Ue Dombrovskis e MAECI

Rilancio dell’agenda multilaterale, implementazione degli accordi di libero scambio, partenariato transatlantico sono i capisaldi che Uiv ha oggi rappresentato al commissario al Commercio e vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, nel corso della sua audizione sulla revisione della politica commerciale europea, ospitata dal ministero degli Esteri in presenza del ministro Luigi Di Maio. “Serve una politica commerciale europea ambiziosa, al servizio degli obiettivi di rilancio e ripresa dell’export”, ha dichiarato il Segretario Generale Paolo Castelletti.

“Esprimiamo inoltre soddisfazione ha aggiunto il segretario Uiv – per l’attenzione mostrata nei confronti del settore vino dal vicepresidente della Commissione Ue. La disponibilità ad ascoltare le richieste pervenute degli Stati membri rispetto a possibili forme di sostegno per il vino nell’attuale emergenza confermano l’attenzione dell’istituzione verso il nostro comparto”.

Nel riconoscere le difficoltà affrontate a causa dell’emergenza e della vertenza Airbus-Boeing, sul vino europeo Dombrovskis ha confermato per il 2021 una serie di “flessibilità della normativa vitivinicola offerte al settore che potranno essere accolte a livello nazionale. Inoltre – ha aggiunto il vicepresidente della Commissione Ue -, ci sono una serie di richieste di risorse aggiuntive da parte degli stati membri che saranno affrontate”.

Secondo Castelletti, è fondamentale rinforzare l’alleanza con gli Stati Uniti, uno dei pilastri del documento di Bruxelles, “attraverso un’agenda positiva basata sul ‘0 for 0 principle’ cioè sulla possibilità di eliminare definitivamente le tariffe vigenti sui vini, con l’obiettivo di ‘mettere al riparo’  il settore da future dispute commerciali e aumentare l’export”. Obiettivo, quello di azzerare i dazi incrociati, condiviso dal commissario Dombrovskis, che oggi ha dichiarato l’impegno di “poter risolvere definitivamente la diatriba al di là dell’attuale tregua”.

Altro tema sul tavolo è l’’agenda verde’ sui cui Uiv e il vino italiano vogliono giocare un ruolo da protagonisti. “Ben venga l’approccio verde nel futuro della politica commerciale – ha aggiunto Castelletti – e la ridefinizione delle regole in questo senso, ma senza penalizzare commercialmente i produttori in una fase di transizione importante come quella che stiamo vivendo”.

Confederazione, Europa, Italia, Politica, UIV, commissario europeo, Ministero Esteri, unione europea
WORLD WIDE WINE NEWS

Unione Italiana Vini celebrazioni 160 anni relazioni Italia-USA

Dal  17 marzo, giorno dell’anniversario dell’Unità d’Italia, è on line il portale web per le celebrazioni del 160 ° anniversario delle relazioni diplomatiche Italia-USA, a cura del Ministero degli Esteri.

Sono presentate molte testimonianze di  personalità d’eccezione dall’Italia e dagli Stati Uniti in tutti i settori (dall’economia alla cultura, dalla scienza allo sport) con  un breve videomessaggio, nel quale rispondono alla domanda “Perché sono importanti le relazioni tra Italia e Stati Uniti?”.

Il Presidente Ernesto Abbona ha pubblicato il suo intervento, che potete vedere a questo link https://www.italyus160.org/guestbook/

Eventi, Italia, Unione Italiana Vini, made in italy, Promozione, relazioni bilaterali, usa
WORLD WIDE WINE NEWS

Vinexpo farà tappa anche in India a dicembre

I prossimi 9, 10 e 11 dicembre 2021 a Nuova Delhi avrà luogo la prima edizione di Vinexpo India. Ad annunciare la novità in programma è stato Rodolphe Lameyse, Ceo di Vinexpo, in un’intervista rilasciata nei giorni scorsi a The Drinks Business. Secondo quanto anticipato dallo stesso Lameyse – convinto che l’India sia oggi la “grande prossima novità” nel mercato degli alcolici, il nuovo salone indiano del vino e dei superalcolici (il focus sarà tuttavia sul vino) ospiterà un totale di cinquanta produttori tra internazionali e locali. Durante la manifestazione avranno luogo, secondo la formula già sperimentate negli altri Vinexpo, degustazioni e masterclass. Vinexpo India è organizzata in collaborazione con Sial, società indiana che ha in programma per gli stessi giorni un salone dell’innovazione alimentare.

FEB

Dai Mercati, Rodolphe Lameyse, The Drinks Business, vinexpo
WORLD WIDE WINE NEWS

Italian Wine Experience- dalla Cantina alla Ristorazione: Conoscere, Emozionare, Vendere

Il prossimo 25 marzo 2021, alle ore 14.30 si svolgerà l’evento digitale Italian Wine Experience- dalla Cantina alla Ristorazione: Conoscere, Emozionare, Vendere.

L’appuntamento, completamente gratuito e alla sua prima edizione, è organizzato in collaborazione con WineHo e vedrà la partecipazione di  professionisti italiani e internazionali, che descriveranno trend di mercato e di settore e forniranno chiavi di lettura per il rilancio delle attività che fanno del territorio, del vino e delle eccellenze enogastronomiche italiane un asset strategico del sistema Paese.

Potrete trovare il programma con maggiori informazioni e i dettagli per l’iscrizione al seguente link Italian Wine Experience – Dalla cantina alla Ristorazione: Conoscere, Emozionare, Vendere | Evento | welevel.academy

Eventi, Italia, Mercato, Servizi, UIV, Vino, cucina italiana, vino, wine
WORLD WIDE WINE NEWS

Accelerare chiusura ‘capitolo vino’ nella riforma PAC

(Roma, 18 marzo 2021). “Il negoziato della nuova Politica agricola comune (Pac) si trova in un momento decisivo e Unione italiana vini (Uiv) chiede ai legislatori europei di arrivare quanto prima a un accordo per assicurare al settore un nuovo e importante quadro di regole e di risorse per il futuro”. Così il segretario generale di Unione italiana vini, Paolo Castelletti, ha commentato l’incontro dell’intergruppo del Parlamento Europeo svoltosi ieri.

Secondo Castelletti: “Il futuro dell’Ocm vino è strategico per le politiche del settore dei prossimi sette anni ed è essenziale trovare una sintesi sui diversi temi che hanno riscontrato un forte interesse da parte del Parlamento Europeo. In particolare, l’introduzione di regole specifiche per il vino in materia di indicazioni nutrizionali e ingredienti rappresenta un punto centrale della riforma, con l’introduzione del principio dell’etichettatura elettronica, sulla quale il vino vuole essere pioniere tra i prodotti alimentari, e che sarà in grado di offrire una soluzione innovativa e moderna per il consumatore. Trasparenza, promozione e sostenibilità sono le parole chiave di una discussione che ha visto progressi importanti per il settore anche in materia di investimenti nel Piano nazionale di sostegno (Pns) – che va rafforzato in chiave green – e di promozione nei Paesi terzi, essenziale per la ripartenza”.

Per l’eurodeputato Paolo De Castro: “È importante spingere ora per includere regole specifiche in materia di etichettatura del vino nella riforma della Politica agricola comune attualmente in discussione, in particolare nelle modifiche al Regolamento sulla Organizzazione Comune dei Mercati, evitando rischi di norme future eccessivamente penalizzanti per i produttori italiani. La richiesta del Parlamento europeo, votata in Plenaria lo scorso ottobre, rispecchia la proposta ambiziosa elaborata dal settore, che ancora una volta ha saputo dimostrarsi all’avanguardia in termini di trasparenza verso il consumatore e verso il consumo consapevole. Continueremo a difendere tale posizione durante i negoziati con Commissione e Consiglio, certi che anche da questi passi in avanti possa partire la ripresa di un settore messo pesantemente alla prova dalla crisi pandemica.”

All’Intergruppo vino del Parlamento Europeo, riunito per discutere lo stato dell’arte del settore vitivinicolo all’interno della riforma della Politica agricola comune hanno partecipato, assieme ai principali attori delle organizzazioni europee, Irène Tolleret, chair del forum, gli eurodeputati italiani Paolo De Castro, Pina Picerno e Herbert Dorfmann e il francese Eric Andrieu, relatore per la riforma del Regolamento.

Europa, Normative, Politica, UIV, Vino, europa, pac, vino
WORLD WIDE WINE NEWS

1 187 188 189 190 191 204