Proposte UIV per il nuovo governo: la parola d’ordine è concretezza

In seguito alla tornata elettorale dello scorso 25 settembre e in attesa della formazione del nuovo governo, Unione Italiana Vini lancia ai partiti, e in particolare a colui che siederà sullo scranno del Ministero dell’Agricoltura, una piattaforma di proposte per lo sviluppo del settore vitivinicolo.

È oggi fondamentale riaprire “a tutto campo” il confronto con politica e istituzioni affinché “gestire l’urgenza non porti a chiudersi nella logica dell’emergenza”, come già dichiarato del Presidente UIV, Lamberto Frescobaldi, nell’intervista al Corriere Vinicolo del 12 settembre (CV n. 31/2022).

Ecco quindi, su Il Corriere Vinicolo n. 32/2022, in un servizio di Giulio Somma, lo stato attuale delle cose e i dettagli delle proposte di UIV, articolate in tre punti cardine. Primo: promozione e riorganizzazione dell’offerta, da attuarsi a partire dalla riorganizzazione del sistema di tutela Dop e IGP, con la revisione del Testo Unico della vite e del vino (legge 238/2016), con la riforma del Comitato Nazionale Vini, col mantenimento e lo sviluppo di politiche di promozione verso l’estero, col potenziamento degli accordi di libero scambio con paesi obiettivo in una prospettiva multilaterale…; secondo: vino e salute, da attuarsi attraverso un impegno costante del governo a livello comunitario ed internazionale al fine di promuovere il cosiddetto “modello mediterraneo”, con la costituzione di un comitato permanente di difesa e promozione del food&wine, con una ferma opposizione all’iniziativa irlandese sugli health warning in etichetta, col sostegno governativo in sede OMS nelle discussioni relative alla differenza tra abuso e consumo e con la promozione di specifici studi sugli effetti del consumo moderato…; terzo: sostenibilità, incentivando il ricorso alla buone pratiche (in particolare nella gestione del suolo, nelle concimazioni, nel ricorso ai fitofarmaci, nella tutela della biodiversità), stimolando una cultura del “monitoraggio”, istituendo un logo/marchio distintivo delle bottiglie prodotte in un sistema sostenibile…

“Siamo pronti al confronto e ci attendiamo un dialogo schietto e costruttivo con il nuovo ministro, all’insegna del rispetto dei ruoli e, soprattutto, della concretezza”.

FEB

Corriere, accordi multilaterali, FTA, gestione del suolo, Giulio Somma, Lamberto Frescobaldi, libero scambio, monitoraggio, Promozione, riforma DO, riorganizzazione dell’offerta, sostenibilità, uiv, vino e salute

WORLD WIDE WINE NEWS