Portogallo: previsti 6,7 mio/hl (-9%) e industria sotto stress

Il portoghese Instituto da vinha e do vinho (IVV) ha rilasciato lo scorso primo di agosto le previsioni vendemmiali e di produzione per la campagna vinicola 2022/23.

Si stima che la produzione raggiungerà il volume di 6,7 milioni di ettolitri, che equivarrebbero al -9% rispetto alla scorsa campagna 2021/2022. In confronto alla media degli ultimi cinque anni la produzione prevista si attesterebbe però in una crescita del 2%.

Sono nove – delle quindici più importanti – le regioni vinicole portoghesi per le quali è previsto un calo di produzione, tra queste proprio quelle di maggior produzione quali Douro e Porto (previsto calo del 20%), Lisboa (-20%), Alentejo (-5%). Crescita significativa è invece prevista per le regioni di Minho (+10%) e Terras de Cister (+10%).

Buono in generale lo stato fitosanitario riscontrato nelle uve, ma siccità e ondate di calore che potrebbero verificarsi da qui al termine della vendemmia saranno comunque determinanti per la qualità del raccolto.

Nel frattempo nei giorni scorsi, l’ANCEVE – Associação Nacional dos Comerciantes e Exportadores de Vinhos e Bebidas Espirituosas – ha chiesto al governo portoghese misure “urgenti e concrete” di sostegno all’industria del vino, oggi particolarmente sotto stress per il continuo aumento dei costi. Molti produttori piccoli e medi, coloro che costituiscono la più gran parte del tessuto imprenditoriale vitivinicolo del paese, sarebbero addirittura sull’orlo del fallimento.

FEB

Dai Mercati, ANCEVE, IVV, previsioni vendemmiali Portogallo, vendemmia 2022

WORLD WIDE WINE NEWS