QATAR: Nuovo paese nella Piattaforma Comex

Il Qatar controlla strettamente il mercato degli alcolici. È illegale bere alcolici all’aperto e il consumo è limitato a hotel e bar. Inoltre, per consumare prodotti che contengono alcol è necessario ottenere un permesso per acquistare alcolici per consumo personale.

Il Qatar ha adottato gli standard di etichettatura e conservazione GSO 9/2007 e GSO 150/2007, ma tali standard non si applicano all’alcol. La GCC Standardization Organization, organizzazione per gli stati membri del Gulf Cooperation Council e dello Yemen (GSO), sta rivedendo i propri standard per armonizzarli alle linee guida del Codex Alimentarius, ISO e altri standard internazionali. In assenza di tali standard si raccomanda di seguire gli standard del Codex Alimentarius che regola i livelli di residui di pesticidi e altri contaminanti.

La popolazione del Qatar, di circa due milioni di abitanti, è composta prevalentemente da espatriati stranieri, proveniente in particolare dall’India e dal Pakistan, e solo il 20% circa dei residenti ha la cittadinanza.

Si ricorda che Il Qatar ha uno tra i PIL più elevati al mondo e diventerà la nazione ospitante della fase finale della Coppa del mondo 2022 di conseguenza, tutti i settori dell’economia, in particolare le industrie di costruzione sportiva e di trasporto delle infrastrutture, stanno vivendo una rapida espansione, tale evento potrebbe essere favorevole anche per le cantine vitivinicole.

Per maggiore completezza sui singoli aspetti si invita a consultare le singole schede presenti all’interno della banca dati giuridica Comex di UIV per tutti gli approfondimenti normativi.

Inoltre per maggiori informazioni su tutte le novità introdotte dalla nuova disciplina, scrivere alla mail serviziogiuridico@uiv.it

Legislazione, Mercato, Servizi, Servizio Giuridico, Vino, banca dati, comex, commercio estero, export, qatar
WORLD WIDE WINE NEWS