Il 1° agosto 2019 è iniziata l’annata vitivinicola 2019/2020.

Come accade ogni anno,  e come già evidenziato nell’articolo di SIAN CLOUD dello scorso anno, la chiusura della vecchia annata  comporta  due importanti, E DISTINTE, scadenze burocratiche al quale ogni operatore è tenuto ad adempiere, vale a dire:

  1. al 31 LUGLIO 2019 la redazione del bilancio 2018/19 e la relativa chiusura dell’annata vitivinicola. Operazione da effettuarsi obbligatoriamente sul Registro Telematico Ufficiale SIAN; 
  2. entro  il 10 SETTEMBRE 2019 la presentazione della, CONSEGUENTE, Dichiarazione di Giacenza vini. Il modo più semplice che l’operatore ha, per assolvere a tale incombenza, consistere nello scegliere, ALTERNATIVAMENTE, tra due opzioni:
    1. – continuare a presentare la Dichiarazione di giacenza attraverso i CAA,  come è avvenuto sino all’avvento del Registro Ufficiale telematico SIAN;
    2. – oppure avvalersi di una specifica funzione del registro telematico SIAN  disponibile dal sito: mipaaf.sian.it che, se si è effettuata regolarmente la chiusura del bilancio di cui al precedente punto 1,  consente la sottoscrizione elettronica della dichiarazione di giacenza che viene generata in automatico dal sistema e resa disponibile anche in versione stampabile. Tale validazione avviene  con una procedura telematica che si avvale di un’autenticazione  a due fattori con l’ausilio di un nr di cellulare (analogamente a quanto avviene con il sistema SPID).

Non è invece più possibile, da alcuni anni,  inviare ad AgEA la dichiarazione di giacenza in formato cartaceo né tramite posta ordinaria raccomandata nè tramite PEC. Tale documento va necessariamente presentato in forma elettronica e trasmesso telematicamente. Le due modalità più semplici sono quelle su descritte. Attenzione, qualora si scelga la seconda forma tramite registro SIAN di cui al punto 2 .2  va presentata una dichiarazione di giacenza per ogni codice ICQRF attivo di cui l’operatore dispone.   In pratica l’operazione dal sito mipaaf.sian.it, va effettuata per ogni codice ICQRF, tuttavia si tratta di un’operazione semplice che non richiede redazione di altri documenti che potrebbero far sorgere dubbi in quanto il sistema non fa altro che convertire in dichiarazione il bilancio annuale.

Come già evidenziato l’anno scorso, si potrebbe obbiettare che i dati contenuti nella chiusura di bilancio dichiarati al 31 luglio sul Registro Ufficiale SIAN altro non siano che la Dichiarazione di Giacenza AgEA del successivo 10 settembre; Pertanto  la seconda incombenza  è  una perfetta duplicazione della prima. Ciò è  assolutamente vero nella sostanza ma non nella forma  per cui gli obblighi restano distinti e separati ed il mancato adempimento ad essi è sanzionato da norme differenti.

Le norme vigenti in materia di bilancio  da registro ufficiale SIAN e dichiarazione di giacenza, infatti, sono differenti ed individuano due obblighi separati, appunto:

  • L’obbligo del registro ufficiali di redigere e chiudere il bilancio annuale alla conclusione dell’annata vitivinicola (31 luglio);
  • L’obbligo di presentare la dichiarazione di giacenza dei prodotti vinicoli (10 settembre).

Per gli aspetti operativi qui descritti,  bisogna far riferimento alla Circolare AgEA nr 63427/2019 del  30/07/2019 .

Fornisco, un brevissimo vademecum delle cose da fare:

  1. effettuare tempestivamente   il controllo delle giacenze sia contabili che fisiche in cantine verificandone la corrispondenza per  tutti i prodotti vinicoli dell’annata appena conclusa;
  2. registrare, per ogni conto, eventuali  superi e/o cali nella misura dell’1,5% ragguagliati all’intera annata vinicola trascorsa (se i superi e/o i cali superano tale percentuale vanno comunicati all’ICQRF MOTIVANDOLI ADEGUATAMENTE);
  3. procedere all’allineamento del proprio sistema web-service ed al trasferimento dei dati sulla PIATTAFORMA SIAN AGGIORNATI AL 31 LUGLIO 2018. Quest’operazione andava effettuata entro il 30 agosto (trenta giorni dalla chiusura mensile e dalla data di rilevazione del bilancio e delle giacenze risultanti); La funzione è comunque disponibile sino al 10 SETTEMBRE 2019. Attenzione dopo tale data il sistema chiude comunque il bilancio in automatico e non sarà più possibile effettuare correzioni.
  4. Tali operazioni preventive consentiranno la corretta redazione del bilancio di cantina al 31 luglio 2017.
  5. a questo punto, entro il 30 agosto se si opera con un sistema web-service,  andava effettuata  la chiusura dell’annata e la redazione del bilancio con le apposite funzionalità della piattaforma SIAN (in alto a destra nel menù). Consiglio di operare direttamente sulla piattaforma del registro ufficiale poiché ciò consentirà  di ottenere una situazione dettagliata del bilancio di cantina e di ogni singolo conto attivo.

Le operazioni descritte nei 5 punti precedenti consentono di adempiere agli obblighi di redazione del bilancio ed alla chiusura dell’annata vinicola 2018/19.

SUCCESSIVAMENTE, ed entro il 10 settembre 2019, va presentata la dichiarazione di Giacenza 2018/2019.. Come già detto a tale obbligo si può adempiere, alternativamente, in due modi, secondo le istruzioni di cui si è già dettoin questo articolo e comunque contenute nella CIRCOLARE AgEA nr 43427/2019 DEL 30/07/2019.

 Per gli aderenti alla piattaforma SIAN.CLOUD  sono disponibile per i relativi chiarimenti per le vie brevi.

BUON ANNATA VINICOLA E BUONA VENDEMMIA

Rispondi