EMMEVVUVVU’ TV trasmissioni per ora a DUE CANALI (tradizionali e digitali) …….

……. fuor di metafora il mio consiglio per gli operatori è di soprassedere, per ora, all’uso dell’MVV-e (il nuovo sistema smaterializzato) soprattutto se sono dotati di un sistema di trasmissione dati in WEB- service. 

Per intenderci se usano un software, di qualunque tipo,  che trasferisce i dati sulla piattaforma SIAN  con cadenza mensile. Si tratta, com’è noto, della stragrande maggioranza degli operatori. Infatti il Decreto sul nuovo MVV-e, contiene delle istruzioni per la trasmissione dei dati via Web service in base alle quali i produttori di software adegueranno le loro piattaforme alla redazione e trasmissione del nuovo MVV-e integrando tale funzione nel programma. Andare oggi a smanettare autonomamente provocherebbe, nel migliore dei casi, una duplicazione del lavoro e, probabilmente,  complicherebbe il lavoro  dei produttori di software che stanno adeguando i programmi di scambio via web-service con il SIAN.

Al  momento, come chiarito dal nuovo decreto direttoriale,  rimangono attive tutte le modalità di redazione, trasmissione e convalida dell’MVV tradizionale. Si riporta l’estratto dell’art 9 che contiene tale disposizione:

“Art 9 

Disposizioni finali e transitorie

1. Con successivo decreto del Capo dipartimento dell’ICQRF è stabilita la data …………….. dalla quale il documento vitivinicolo sarà emesso esclusivamente in modalità telematica.

2. Fino all’adozione ……….. del decreto relativo ………., lo speditore può continuare ad utilizzare tali documenti conformemente alle norme ad essi applicabili.”

In pratica ciò significa che, AD OGGI,  l’operatore può redigere l’MVV con le consuete modalità cartacee o via PEC e convalidarlo:

  • al Comune competente per il luogo di partenza;
  • con la microfilmatrice se in suo possesso;
  • via PEC con gli uffici ICQRF competenti per il luogo di partenza.

Non cambia nemmeno la casistica per cui è richiesto ed obbligatorio l’MVV.  Ciò fatta  salva la faccenda dell’attestato di origine e provenienza per vini: Varietali; IGP (IGT); DOP (DOC e DOCG), che rappresenta una nuova funzionalità dell’MVV della quale parleremo in un approfondimento specifico………..

 

 

 

Rispondi